Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. Learn more
Bytestamplogo Eng Ita
ByteSt@mp
The Internet Timestamp Service
ByteStamp Datacoin address: D8GafEsbyssg4TQN71KTbd8QdRg846MxCQ - ByteStamped in transaction 78c8b327930ec9ec4e280801e2ebba190add5bcbeca295dba9992d5e2cb455bb
FAQ
Privacy Policy


This asset belongs to:

DTC:D8GafEsbyssg4TQN71KTbd8QdRg846MxCQ


This below is a preview. Click submit to download original file. Password is already provided as this is a public document:


-----BEGIN TIMESTAMPED TEXT-----

in risposta a

http://www.bytestamp.net/docs/qdoc/it/2df0a55921e392fae9fd2134c2979f42

Buongiorno, questo servizio mi è stato segnalato ieri da un amico svizzero.

Ho letto un po la descrizione di questo sito, ma una cosa non mi è chiara, bytestamp si occupa della marcatura temporale dei documenti digitali, ovvero garantisce che un dato documento sia stato registrato in un determinata data, ed inoltre ne garantisce la proprietà intellettuale, tramite la firma digitale.
Tuttavia questo è quello che fa un archivio, ma non un notaio.
Un notaio garantisce il fatto che quanto venga registrato sia VERO, sulla blockchain posso registrare qualsiasi documento privo di valore, ciò che rende un atto tale e gli conferisce valore e validità è proprio il fatto che viene fatto davanti ad un'autorità. Quindi posso usare la blockchain come un archivio, ma in essa non è contenuta alcuna verità, c'è differenza tra un'informazione corretta ed una vera.....
Quindi io personalmente non credo che avremo un mondo senza notai grazie a bytestamp.
Sono aperto a confronti.


Salve, e benvenuto anche a te su ByteStamp Forum.

Il primo gruppo di discussione in cui i post sono convalidati su blockchain!

Premetto che in linea di massima hai ragione.
ByteStamp, infatti, dà la prova che un documento sia stato redatto prima di una certa data (e che appartiene ad un certo indirizzo come bene digitale), ma non che quel documento sia vero o falso.

Però ci sono casistiche in cui la verdicità o la falsità di un documento non rileva.

Mi spiego meglio.

Se io su ByteStamp scrivo:

"Io, Tizio Caio, in qualità di legittimo proprietario del Colosseo, ne trasferisco la proprietà a Sempronio"

E poi viene fuori che Tizio Caio non ha nessuna titolarità a disporre del Colosseo, allora è chiaro che questo è un documento falso.

Però ByteStamp dà comunque la certezza che in una certa data qualcuno ha scritto una cosa falsa sulla blockchain.

Però se io scrivo su ByteStamp

"Progetto per una nuova invenzione. Ho inventato la bicicletta a tre ruote. Schema di funzionamento. Firmato: Paolino Paperino"

E poi successivamente qualcun altro dice di aver inventato la bicicletta a tre ruote, sarà facile per Paolino Paperino dimostrare che l'aveva inventata lui prima.

Ricordo che su ByteStamp si può registrare un documento anche senza renderlo pubblico. Conservando il file il creatore originale può sempre dimostrare di aver fatto una cosa prima degli altri.

Pensa anche a tutti quei casi in cui uno fa un post sul suo blog, e poi altre 100 persone fanno copia e incolla sul loro blog.
Se l'autore originale ha l'accortezza di registrarlo su ByteStamp prima di pubblicarlo, poi può dimostrare facilmente di aver scritto per primo una cosa, o aver dato per primo una certa notizia.

Ora, tornando al ragionamento VERO/FALSO, la frase di sopra, e cioè:

"Progetto per una nuova invenzione. Ho inventato la bicicletta a tre ruote. Schema di funzionamento. Firmato: Paolino Paperino"

Effettivamente può anche essere falsa.

Ma che senso ha?

Infatti se la frase è falsa ma l'invenzione è vera, vuol dire che qualcun altro ha fatto l'invenzione e ne ha voluto attribuire la paternità a Paolino Paperino. Che poi è anche quello in possesso del file originale.

Chiaramente, invece, è Paolino Paperino che si è tutelato quando ha fatto l'invenzione. Questo perchè è Paolino Paperino che ha interesse a certificare sulla blockchain questa cosa.

All'opposto, invece, se qualcuno scrive su ByteStamp:

"Io sottoscritto, Paolino Paperino, confesso di aver rubato le caramelle e la torta di marmellata della nonna. Firmato: Paolino Paperino"

Beh, certamente non ci vuole un genio a capire che quella frase non è stata veramente scritta da Paolino Paperino, che chiaramente non ne aveva nessun interesse.

Ora, se tu pensi al notaio come a qualcuno che fa un atto di compravendita, ad esempio, e vuoi fare quella compravendita sulla blockchain, allora effettivamente potrebbe anche essere una cosa falsa, come abbiamo visto prima con il Colosseo.

Ma ci sono tante casistiche in cui si deve semplicemente dimostrare di aver fatto una cosa prima di una certa data, lasciando ad un esame successivo l'eventuale falsità di quanto dichiarato.

Prendi per esempio alcuni adempimenti contabili e fiscali a cui sono sottoposte le aziende, che devono essere vidimati da un notaio per dimostrare di aver stampato prima di una certa data il registro IVA o il libro mastro o quello che sia. Oppure se non vai dal notaio ci metti una marca da bollo, che sempre un notaio è. Oppure ci metti una marcatura temporale informatica, ma concettualmente sempre di un notaio si tratta (autorità centralizzata in tutti e tre i casi).

Banalmente, pensa di dover dimostrare di aver pagato prima della scadenza una bolletta dell'acqua. Prendi la ricevuta delle Poste e la metti su ByteStamp condivisa con password.

Se poi io sono un criminale che tiene dei registri contabili falsi oppure che falsifica la ricevuta di pagamento della bolletta, questo è tutt'altro affare.

Anzi, se metto su ByteStamp una cosa palesemente falsa, poi in sede di giudizio diventa una prova inconfutabile e inalterabile contro di me.



Vorrei anche dire che la veridicità o la falsità di un atto dipende anche dal numero di testimoni di quell'atto.

Quindi, se io faccio un atto sulla blockchain, e poi questo viene firmato digitalmente da 1000 persone diverse, beh è un pò difficile che sia un falso.

Mi potresti dire che tu puoi creati da solo 1000 indirizzi bitcoin e mettere 1000 firme false.

Però l'indirizzo con cui firmi su ByteStamp, quello con cui diventi anche proprietario dei ByteStamp Digital Asset per intenderci, può anche essere asseverato.

Ti faccio un esempio:

l'indirizzo di ByteStamp, quello con cui sto firmando questo post, è D8GafEsbyssg4TQN71KTbd8QdRg846MxCQ.

Questo indirizzo è anche scritto sulla blockchain:

http://www.bytestamp.net/blocks/qtx/it/78c8b327930ec9ec4e280801e2ebba190add5bcbeca295dba9992d5e2cb455bb

Ma questo indirizzo è anche scritto sul sito di ByteStamp (in alto, sotto al logo).

Poichè nessuno può scrivere sul sito web di ByteStamp se non ByteStamp stesso, è chiaro che quell'indirizzo deve appartenere a ByteStamp.

Pensa ad esempio a voler postare sulla propria pagina facebook il proprio indirizzo per i ByteStamp Digital Asset.

Oppure, tanto per andare sul sicuro, si può scrivere su ByteStamp qualcosa tipo:

"Questo è il mio indirizzo per i ByteStamp Digital Asset: 123456. Firmato Pinco Pallo"

e poi firmarlo digitalmente con la firma digitale italiana di Pinco Pallo. Mi riferisco alla Smart Card - CNS riconosciuta dall'Autorità Italiana.

Ma la cosa interessante è che uno può fare un atto su ByteStamp, farlo firmare da 1000 persone e in tutto ciò restare anonimo. Soltanto quando si dovesse verificare la necessità sia lui che le 1000 persone dimostrano di essere i veri proprietari degli indirizzi che hanno firmato l'atto.



ByteStamp poi su alcuni tipi di casistiche permette di dare una sicurezza che trascende i confini nazionali, a differnza dei notai.

Non so se sei al corrente, per esempio, della guerra dei brevetti tra Apple e Samsung che c'è stata qualche anno fa:

https://www.corrierecomunicazioni.it/digital-economy/apple-vs-samsung-la-guerra-continua/

nell'articolo si parla di come la Samsung sia stata condannata per violazione dei brevetti della Apple.

Si, ma da un giudice californiano, però.

Volevo vedere se la causa avesse avuto luogo in Corea cosa sarebbe successo.

Secondo te Samsung e Apple vanno hanno più fiducia di un notaio americano o coreano?

Secondo me l'uno non si fida dell'altro e viceversa.

Ma non possono negare l'evidenza se qualcuno ha registrato per primo un brevetto su ByteStamp.



Ma poi, sei sicuro che gli atti redatti dai notai siano sempri veri?

Leggi questo:

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/taranto/1018898/taranto-truffe-sui-mutui-indagato-anche-un-notaio.html

La differenza è che ByteStamp un documento registrato sulla blockchain non può alterarlo, nemmeno volendo.

Grazie per il tuo interesse in ByteStamp!

By ByteStamp

-----END TIMESTAMPED TEXT-----


Prev MD5 HashCash: 41b0979f51cbfcaf864c4961cd01e834
MD5 HashCash: a858299fa195985405d0796a7eba1bcc


The file is timestamped at UTC Date/Time:
2018-06-18 16:05:32 UTC
with 44759 confirmations in block number 2465826 - ID transaction: e17e27e6125cfe72e1bc92e74a9556afcd2c698b0ffa0a5f5450bd2229414a52 #ByteStampProof
info

Click here to see the document registration progress. You can add this link to favorites to query progress at any time




What is the registration progress?






Minds Facebook
Pivamida
Website Security Test