Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. Learn more
Bytestamplogo Eng Ita
ByteSt@mp
The Internet Timestamp Service
ByteStamp Datacoin address: D8GafEsbyssg4TQN71KTbd8QdRg846MxCQ - ByteStamped in transaction 78c8b327930ec9ec4e280801e2ebba190add5bcbeca295dba9992d5e2cb455bb
FAQ
Privacy Policy


This asset belongs to:

DTC:D8GafEsbyssg4TQN71KTbd8QdRg846MxCQ


This below is a preview. Click submit to download original file. Password is already provided as this is a public document:


-----BEGIN TIMESTAMPED TEXT-----

In risposta a:

http://www.bytestamp.net/docs/qdoc/en/66ea310676099804e4adac33b6678175

e a

http://www.bytestamp.net/docs/qdoc/en/3ff206ce83bab92eb917942e6f9d9bd6

Dunque la prima cosa (la più importante) che voglio dire è che quell'indirizzo che uso per firmare i messaggi su bytestamp, l'ho creato pochi mesi fa (forse 6 o 7) usando il tool www.bitaddress.org, ed infatti lo uso solo per firmare messaggi. Se non fosse stato per te non mi sarei mai accorto che era stato usato già nel 2015. Quindi questo è una cosa di notevole importanza, forse abbiamo trovato una collisione in bitcoin? Il codice sorgente di quel tool in Javascript funziona solo dal lato client, quindi il seme è stato generato in modo random. Indagherò ulteriormente sulla faccenda, mi sembra stranissimo , cioè non sono ricco per un soffio, roba da matti ;)

Questo fatto mi fa venire a mente una cosa di cui ho letto qualche tempo fa.
Praticamente da diversi indirizzi Bitcoin, ognuno dei quali conteneva pochi bitcoin, sono cominciati a sparire i bitcoin in questione.
Come se qualcuno fosse passato e avesse fatto piazza pulita.
Nessuno si spiegava il perchè.
Poi è venuto fuori che ci sono alcuni generatori di indirizzi Bitcoin malevoli che generano indirizzi tali da poter essere facilmente scoperti.
Ad esempio indirizzi Bitcoin la cui chiave privata in qualche modo corrisponde ad una frase di senso compiuto.
Non si è mai capito se sia stato fatto apposta o no.
Sta di fatto che qualcuno ha cominciato a giocare con questa cosa, prima generando degli indirizzi di cui poteva essere scoperta la corrispondente chiave privata, e poi mettendoci sopra pochi satoshi come ricompensa, tanto per vedere se qualcun altro capiva il giochetto. E sembra che qualcun altro l'abbia capito.

Qui l'articolo:

http://bitcoinist.com/malicious-wallet-generation-software-could-produce-known-private-keys/

Oppure può darsi che non sia niente di tutto ciò.
Semplicemente il software che tu hai usato utilizza i movimenti del mouse per generare un indirizzo e forse tu hai fatto gli stessi movimenti che ha fatto l'altro utente, la Pseudorandomness (https://en.wikipedia.org/wiki/Pseudorandomness) ha fatto il resto.

Comunque non metterci mai soldi sopra quell'indirizzo. Anzi io ne genererei un altro anche per i ByteStamp Digital Asset.

Se ne generi un altro vai su ByteStamp sui tuoi messaggi e clicca dove dice

Cliccare qui per trasferire la proprietà di questo bene digitale

Quindi utilizza la procedura per trasferire i tuoi post dal tuo vecchio indirizzo al nuovo. In tal modo confermi a tutti di essere sempre tu a scrivere.


Sono sicuramente d'accordo con te sul fatto che forse mai nessuno prima d'oggi ha avuto una disputa sulla blockchain. Infatti è una figata pazzesca :-))
Io sinceramente non ti conosco e non ho fatto ricerche su di te, quindi penso che il nostro confronto resterà fra due identità digitali che vivono su due blockchain (sottolineo ancora la figata della cosa).


Bello, mi sembra proprio di essere dentro Tron - https://it.wikipedia.org/wiki/Tron_(film)
Però c'è un piccolo problema.
Io non potrò mai sapere tu chi sei, mentre tu stai parlando con ByteStamp che ha tanto di sito web, non ci vuole mica Sherlock Holmes a capire chi sono...

Allora ho lanciato delle critiche abbastanza forti, forse anche con toni molto pesanti, ma d'altronde se non c'è libertà di espressione sulla BlockChain , dove deve esserci....

E va bene, però se facciamo a chi alza più la voce non andiamo da nessuna parte. Cerchiamo di fare un ragionamento costruttivo. Mica siamo politici.

Sorvolando il fatto della minabilità di DTC e la sua validità, per me resta strano il fatto che qualcuno la mini senza poterla scambiare in dollaroni sonanti, almeno per pagare la corrente elettrica.

Scusa ma secondo te nel 2010 chi minava Bitcoin cosa ci guadagnava? Perchè mai uno doveva consumare CPU e corrente per avere i soldi del monopoli?
Oggi si fa un bel parlare del fatto che minare bitcoin non conviene più.
Non sono d'accordo.
Minare bitcoin non è MAI convenuto.
Perchè prima, quando si minavano con la CPU, tu facevi un lavoro e consumavi corrente per avere una cosa che non valeva niente.
Ed intanto se non c'era chi minava oggi non avremmo avuto il Bitcoin.

E poi vedi che DTC si può cambiare. Su freiexchange attualmente è quotata 71 satoshi (https://freiexchange.com/market/DTC/BTC). Ci sono anche altri exchange come BTCpop. Certo forse con 71 satoshi non ti paghi nemmeno la corrente, ma io vedo una comunità internazionale in fermento.

Il sistema è valido perchè comunque per sovvertire una blockchain ci vuole una potenza di calcolo inimmaginabile. Anche se si tratta della blockchain di Datacoin.

Poi con i Cross Check Point il sistema è stato ulteriormente rafforzato. (http://bytestamp.net/c/what)

Praticamente il meccanismo dei Cross Check Point è questo:

1) con ByteStamp si può avere la marcatura temporale (Proof Of Existence) di qualsiasi file

2) ma anche la blockchain è un file

3) allora utilizziamo ByteStamp per marcare temporalmente altre blockchain, e viceversa

Così ho memorizzato nella blockchain di Datacoin l'hash dell'ultimo blocco trovato in Bitcoin, Primecoin e Litecoin.

Poichè in una blockchain l'hash di un blocco conferma pure tutti i precedenti, è come se io avessi salvato l'impronta informatica dell'intera blockchain di altre criptovalute nella blockchain di Datacoin.

Quindi per sovvertire la blockchain di una qualsiasi si queste criptovalute, bisogna anche sovvertire la blockchain di tutte le altre.

Praticamente impossibile.

Ma, anche se qualcuno ci riuscisse, la blockchain non sarebbe più valida da quel momento in poi. Tutti i documenti registrati fino a quel punto sono inviolabili.

A me non urta tanto il sistema che tu proponi, che tutto sommado è valido (apparte la pessima grafica) , infatti lo uso anche io, ma il modo in cui tu ti poni come intermediario. Il tuo sito non è una semplice interfaccia utente che permette di interagite con la blockchain, ma è un tassello fondamentale per registrare documenti sulla blockchain, ovvero il tuo server è indispensabile, da quello che vedo, per la verifica dell'identità digitale dei documenti (almeno per un non addetto ai valori), dal momento che non esistono Explorer di datacoin. Anche il client è solo per Winzoz (non è un errore di battitura -.-) ed è poco aggiornato.

No, aspetta, non funziona così.
Il sistema non è basato sul fatto che bisogna dare fiducia a ByteStamp. Se così fosse, infatti:

1) perchè mai ti dovresti fidare di ByteStamp e non di un notaio?
2) quale sarebbe poi l'innovazione? ByteStamp farebbe solo con mezzi informatici quello che un notaio fa con mezzi tradizionali...

Invece la novità del sistema risiede proprio nel fatto che l'utente non deve fidarsi nè di un notaio nè tantomeno di ByteStamp, altrimenti sarebbe l'opposto della blockchain.
ByteStamp non è indispensabile per registrare o verificare i documenti, puoi farlo anche da solo. Ovviamente ci vuole un addetto ai lavori. Altrimenti usi il servizio di ByteStamp.

Ma in nessun momento ByteStamp può cambiare le carte in tavola, altrimenti verrebbe immediatamente sbugiardato perchè chiunque può leggere sulla blockchain che magari ByteStamp ha scritto un hash non corrispondente o un Asset Transaction che non parte dal legittimo proprietario.
Anche se non sei un esperto, avrai sicuramente un amico nerd di cui ti fidi che può confermarti quello che dico.

Qualsiasi esperto informatico in buona fede giurerebbe su una montagna di bibbie che la prova fornita da ByteStamp è inconfutabile.

Per quanto riguarda il Block Explorer, per anni il block explorer di Datacoin è stato ByteStamp (http://www.bytestamp.net/blocks/index).

Ma ovviamente tu non ti fidi e per fortuna da qualche mese ne è uscito un altro che puoi trovare qui: https://chainz.cryptoid.info/dtc/
Questo a riprova dell'interesse della comunità internazionale attorno a Datacoin.

Poi, puoi anche scaricarti la blockchain su disco fisso e leggere i dati direttamente dal tuo PC

Quindi il mio grande cruccio è : chi mi garantisce che tra 10 anni Bytestamp esista ancora o che Datacoin esista ancora ? Non c'è il rischio che tutto sparisca da un momento all'altro come è successo per molte cripto minori ( InfiniteCoin ) ? Per questo ho accennato ad ethereum, perché essa è una blockchain molto popolare ed in continua evoluzione quindi se salvo un dato su una tx ethereum, e lo faccio senza intermediari c'è la possibilità che tra 20 anni ci sia ancora traccia di ciò che faccio

E chi ti garantisce che invece tra 10 anni Ethereum ci sia ancora? Tanto per puntualizzare, Datacoin ci sta da più tempo di Ethereum...
Poi, anche se ByteStamp e Datacoin non esisteranno più tra 10 anni, quello che è stato scritto sulla blockchain è diventato immutabile. E fintanto che ci sarà anche un solo PC che conserverà la copia della blockchain di DTC, tutti i documenti in essa registrati saranno verificabili. Anche se quel solo PC sarà il tuo.

E comunque, nessuno vieta in futuro di scrivere una versione di ByteStamp che si basa su Ethereum o su un'altra blockchain, o su più blockchain in contemporanea (un po' come i Cross Check Points di cui sopra).

La blockchain è un supporto su cui si basa l'applicazione: io penso che scrivere un'applicazione che è basata su Bitcoin o su Datacoin è come scrivere un software che gira su Windows o su Apple. O che sia multipiattaforma.

Altra domanda: cosa ne pensi del progetto Iota ? Il DAG feeless ha il suo perché.

IOTA mi sembra un'ottimo progetto.
Porta un'innovazione intrinseca e perciò è una criptovaluta che potrebbe fare strada.
Se fai una criptovaluta copiando il codice sorgente di Bitcoin e semplicemente la chiami PIPPOcoin, non hai fatto niente, è solo un'operazione di marketing.
Invece le criptovalute che fanno cose diverse sono più interessanti. Ethereum, ad esempio, è interessante perchè fa cose che Bitcoin non fa. E anche Datacoin.

Però nel caso di IOTA mi sfugge qualcosa.
Se ho capito bene in IOTA ogni nodo conferma le transazioni e quindi non c'è più distinzione tra minatori e nodi normali.
Infatti ogni nodo per poter inviare una transazione ne deve confermare altre due.
Ciò consente un'enorme scalabilità e un'alta velocità di esecuzione delle transazioni, perchè si elimina la Proof Of Work.

Ma quello che non ho capito è questo.
Ogni nodo conferma due transazioni. Il che significa che se quel nodo ha una copia della blockchain non aggiornata, o si trova su un ramo di blockchain non legit, non c'è nessun modo per evitare il double spending.
In Bitcoin questo viene risolto applicando la Proof Of Work e il ramo più lungo della blockchain prende il sopravvento rendendo le altre transazioni orfane.
Ma in IOTA come si risolve questo scenario?
Non so, sicuramente non ho capito qualcosa di IOTA.

in effetti il BlockExplorer c'è,ne prendo atto, ma comunque il sistema è sempre bytestampcentrico dal momento che i dati che memorizzi sulla blockchain li puoi interpretare soltanto tu( c'è qualcosa su github ? ). Ed inoltre non vedo che dibattito equo possa esserci su bytestamp dal momento che tu sei il proprietario del sito e solo tu decidi ciò che può essere pubblicato o no, puoi benissimo cambiare il testo dei miei messaggi.
Potresti rispondere: Si ma l'hash dei messaggi viene salvato sulla blockchain.
Ma non credo che qualcuno andrà a controllare.


Senti, è chiaro che io debba prendere qualche precauzione prima di pubblicare qualcosa sul mio sito. Cosa succede se qualcuno posta un'immagine pedopornografica?
Ovviamente solo i file pubblici sono soggetti ad approvazione, quelli privati o condivisi con password no, visto che solo l'HASH viene salvato in blockchain e da li non si può risalire al file.

Non è vero che i dati memorizzati sulla blockchain li posso interpretere solo io, altrimenti, ti ripeto, tanto varrebbe andare dal notaio, perchè usare ByteStamp.

Quando carichi un testo su ByteStamp esso viene trattato con delle tecniche di hashing conosciute e open source, proprio per fare in modo che tutti possano ripetere il procedimeto usato da ByteStamp e leggere sulla blockchain la stringa corrispondente. E questo fa si che se io cambio il testo dei tuoi messaggi l'hash scritto sulla blockchain non corrisponde più. E non è vero che nessuno andrà a controllare. Almeno tu ci vai.

Ad ogni modo, questa è la procedura per controllare in modo indipendente il procedimento di ByteStamp.

Prendiamo ad esempio il primo post che tu hai scritto su ByteStamp Forum, che trovi qui:

http://www.bytestamp.net/docs/qdoc/it/4d1ad2d7111a3d204166cc9efd42394d

Ovviamente potresti prendere qualsiasi altro documento caricato su ByteStamp, ma usiamo questo come esempio

Se clicchi sul link si apre il tuo documento e sotto la prima linea c'è una scritta in grassetto che dice:


Questa di sotto e' un'anteprima. Cliccare invio per scaricare il file originale. La password e' gia' fornita perche questo documento e' pubblico:


E tu fai proprio questo, cioè clicchi sul pulsante Invia (la password già ci sta) e ti viene scaricato un file.

Questo file è il documento originale il cui hash è stato caricato sulla blockchain.

Il file in questione ha estensione .box ma è un semplice documento di testo, lo puoi aprire con notepad e leggere che dentro c'è proprio quello che avevi scritto tu.

Ovviamente in questo caso il file te lo fa scaricare da ByteStamp perchè tu l'hai caricato come file pubblico. In caso contrario il file lo dovevi conservare tu sul tuo PC, ed eventualmente consegnarlo alla persona a cui volevi dimostrare la Proof Of Existence.

Ora clicca su

Registra o verifica un documento

poi fai sfoglia e seleziona il file .box appena scaricato, poi RICORDATI DI SELEZIONARE

Verifica solo se questo documento è stato sottoposto a marcatura temporale

in

Tipo di Servizio

e fai click su invia

Ti viene detto quando il file è stato registrato con numero blocco e ID transazione.

Ora se scorri più in basso hai altri dettagli del file che sono gli hash calcolati da ByteStamp e che vengono chiamati md5, sha2 e sha3.

ByteStamp per evitare collisioni di hash calcola tre diversi hash e poi li concatena calcolando l'MD5 sugli hash concatenati. In tal modo è impossibile che due documenti diversi abbiano lo stesso hash.

Ora vai su un sito che calcola gli hash online. Ce ne sono a bizzeffe, per esempio puoi andare su

https://emn178.github.io/online-tools/md5_checksum.html

Sito che, tanto per essere chiari, non ha niente a che vedere con ByteStamp.

Da qui seleziona MD5 NELLA COLONNA DI DESTRA (File Hash) , quindi trascina il file scaricato da ByteStamp dove dice

Drop File Here

lui calcola l'MD5 del file che è 99571db1d179207107988f2f8b667a1c, proprio uguale a quello che ByteStamp chiama md5.

Ripeti la procedura selezionando stavolta, sempre nella colonna di destra, SHA512.
Viene calcolcato SHA512 che è
bae7ca38ccd3da044e3f46b388ed8bc9bd6a82b72ed87a395dc9f62cb0b5d62822a0b0be24db4f5caa239ecbb41f22ab433ecc751fb700247746b0d94fae3fc5
proprio uguale a quello che ByteStamp chiama sha2

Infine ripeti selezionando Keccak-512, sempre nella colonna di destra.
Viene calcolato Keccak-512 uguale a
344983d8cd5e6914b9cf24224b7269207e47d62dbc37ca9ec44fc5c66520df9ac7493b7e341bd94a9d70713b28c155c2838acd5acb0714d2e43df265d223af9e
proprio uguale a quello che ByteStamp chiama sha3.

Adesso concatenando i tre risultati ottieni questa stringa:

99571db1d179207107988f2f8b667a1cbae7ca38ccd3da044e3f46b388ed8bc9bd6a82b72ed87a395dc9f62cb0b5d62822a0b0be24db4f5caa239ecbb41f22ab433ecc751fb700247746b0d94fae3fc5344983d8cd5e6914b9cf24224b7269207e47d62dbc37ca9ec44fc5c66520df9ac7493b7e341bd94a9d70713b28c155c2838acd5acb0714d2e43df265d223af9e

Non abbiamo fatto niente altro che mettere a seguire md5, sha512 e Keccak-512

Torna sul sito https://emn178.github.io/online-tools/md5.html e stavolta selezione MD5 NELLA COLANNA DI SINISTRA (Hash)

Quindi copia e incolla la stringa

99571db1d179207107988f2f8b667a1cbae7ca38ccd3da044e3f46b388ed8bc9bd6a82b72ed87a395dc9f62cb0b5d62822a0b0be24db4f5caa239ecbb41f22ab433ecc751fb700247746b0d94fae3fc5344983d8cd5e6914b9cf24224b7269207e47d62dbc37ca9ec44fc5c66520df9ac7493b7e341bd94a9d70713b28c155c2838acd5acb0714d2e43df265d223af9e

dove dice

Input

e lui calcola un MD5 finale uguale a

4d1ad2d7111a3d204166cc9efd42394d

proprio uguale a quello che ByteStamp chiama

MD5 di tutto insieme

Questo hash identifica univocamente il documento a prova di collisioni MD5 ed è quello che viene registrato sulla blockchain.

Lo hai appena calcolato con uno strumento di terze parti ed hai ottenuto lo stesso risultato di ByteStamp.

A questo punto potrei farti vedere la transazione all'indirizzo

http://bytestamp.net/blocks/qtx/it/7d5f1d0a156c208cfb9436975672c824241734e4f5000851f62c6f8b22cf08e7

che contiene l'MD5 di cui sopra.

Ma poichè non ci fidiamo di ByteStamp, allora o ci scarichiamo su hard disk l'intera blockchain di DTC e vediamo che c'è scritto dentro oppure l'andiamo a controllare su un block explorer che non c'entra nulla con ByteStamp.

Quindi andiamo all'indirizzo:

https://chainz.cryptoid.info/dtc/tx.dws?7d5f1d0a156c208cfb9436975672c824241734e4f5000851f62c6f8b22cf08e7.htm

e leggiamo la stessa transazione su un block explorer di terze parti.

Qui fai click su

Raw Transaction

e vedi la transazione grezza
puoi leggere tutti i campi della transazione. Se vuoi puoi confrontarli con quelli che riporta ByteStamp, sono uguali.

Vedi che il primo campo è txid, e contiene l'ID della transazione. Poi abbiamo version e locktime.

Poi ci sta il campo data, che è quello che interessa a noi, perchè contiene i dati scritti nella transazione.

Datacoin si chiama cosi proprio perchè, a differenza dui Bitcoin, permette di scrivere dati arbitrari in questo campo. Ricordati che all'epoca non c'era Ethereum.

Ora se leggiamo il campo data c'è scritto:

TVJdLSpAXy9EVzRkMWFkMmQ3MTExYTNkMjA0MTY2Y2M5ZWZkNDIzOTRk

Che non è altro che l'MD5 che identifica il file, ovvero 4d1ad2d7111a3d204166cc9efd42394d, ma codificato in Base64

Quindi ci serve un decodificatore di base64 online per sapere cosa c'è scritto, pui usare per esempio

https://www.base64decode.org/

ti garantisco che anche questo sito non ha nulla a che vedere con ByteStamp. Ovviamente ne puoi usare un altro qualsiasi

Se incolli

TVJdLSpAXy9EVzRkMWFkMmQ3MTExYTNkMjA0MTY2Y2M5ZWZkNDIzOTRk

dove dice

Type (or paste) here...

e poi fai click sulla scritta verde

[ DECODE ]

sotto ti esce una stringa in cui la parte finale è appunto

4d1ad2d7111a3d204166cc9efd42394d

che identifica il file.

La parte iniziale è un codice che serve a ByteStamp per identificare che quello è un MD5 di un file.

Ti ricordo che ByteStamp fa anche altri tipi di operazioni sulla blockchain come le votazioni elettori o i ByteStamp Digital Asset, quindi c'è bisgno di identificare il tipo di dato che sta scritto nella transazione.

Oltre a questo, ci sta pure altra gente che scrive sulla blockchain di Datacoin, quindi è necessario un codice identificativo.

Quindi, in conclusione, se vuoi essere sicuro che io non modifichi i tuoi messaggi, puoi sempre registrarli su ByteStamp come stai facendo ma poi fare anche il copia e incolla del messaggio sul tuo blog o forum preferito, mettendoci in calce anche il ByteStampProof.

Il ByteStampProof sarebbe il link a

http://www.bytestamp.net/docs/qdoc/it/4d1ad2d7111a3d204166cc9efd42394d

con la dicitura

Il file risulta registrato in Data/Ora UTC
2018-06-10 16:21:17 UTC
con 5439 conferme nel blocco numero 2454716 - identificativo transazione: 7d5f1d0a156c208cfb9436975672c824241734e4f5000851f62c6f8b22cf08e7 #ByteStampProof

ed eventualmente il QRcode.

Spero di essere stato chiaro.

Se hai qualche dubbio, chiedi pure.

Grazie per il tempo che dedichi a ByteStamp.

By ByteStamp

-----END TIMESTAMPED TEXT-----


Prev MD5 HashCash: edecda19e9e68abf52ee67bd68b6022d
MD5 HashCash: c1777de1071a9dc80c1f5f6b8fe6e5fe


The file is timestamped at UTC Date/Time:
2018-06-15 10:55:56 UTC
with 147429 confirmations in block number 2460692 - ID transaction: e466c710798fb5f4863c9bc4d54b05740021b4700090791a5c909d52302dbfad #ByteStampProof
info

Click here to see the document registration progress. You can add this link to favorites to query progress at any time




What is the registration progress?






Minds Facebook
Pivamida
Website Security Test